giovedì 21 maggio 2015

TARI 2015: Adesso è il momento di restituire con un taglio di almeno il 10%

Con la raccolta differenziata si sono risparmiati almeno 280.000 euro di spese di conferimento in discarica.
Come più volte spiegato la disciplina della TARI obbliga i Comuni ad assicurare la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio, ricomprendendo anche i costi delle discariche individuati dall’art. 15 D.Lgs. 36/2003 (comma 654).
In un vecchio post spiegai che, attraverso un meccanismo  al quanto dubbio, all'interno di questo costo si coprirono anche le spese di due dirigenti, al solo fine di aumentare la tassa e vessare ulteriormente i contribuenti.

TARI: ad Adelfia i dipendenti pubblici li paghiamo 2 volte

La spesa relativa al servizio di rifiuti è composta principalmente, semplificando, dal costo del recupero e da quello del conferimento in discarica che complessivamente è pari a 2,7 milioni di euro.
La seconda voce, è sempre stata circa il 30-35% del costo complessivo oscillando tra 800 e i 900 mila euro.
Nelle tabelle che leggete in alto sono messe a confronto le quantità conferite nel 2013 ( il dato è presunto in quanto non è stato comunicato il mese di  dicembre, ma mi sono tenuto basso considerando nel 2012 un conferimento di 7.200 tonellate.)

Ad occhio sono "sparite" 1.400 tonellate di rifiuti. Spazzatura finita nelle nostre campagne e solo in parte recuperata. Il costo di conferimento dell'RSU oscilla intorno ai 132,5 euro (125 costo di discarica più 7,5 di ecotassa)  che tradotto fanno 185.500 euro di risparmio immediato.
Tuttavia, se nel 2013 abbiamo speso circa 830.000 euro (6.300t per 132.50) , quest'anno  se ne sono andati solo 435.00 euro (3.284 t per 132.50) per il conferimento in discarica.
Tuttavia anche il differenziato ha un costo. Infatti il rifiuto recuperato fa spendere circa il 35-40% in meno rispetto alla discarica,a un prezzo che oscilla intorno ai 70 euro la tonellata. (valore medio ponderato tra i 100 euro per il conferimento dell'organico e i 20-30 euro per vetro, plastica ecc.).
Pertanto nel 2014 abbiamo speso circa 162.000 euro, mentre nel 2013 solo 47.000 euro.
La differenza sono esattamente 280.000 euro di risparmi da conferimento di rifiuti, ossia oltre il 10% del costo dell'intero servizio che paghiamo con la TARI.


Ovviamente questo valore non tiene conto del contributo CONAI che spetta alle amministrazioni che inevitabilmente è aumentato.

Insomma, è il momento che una volta tanto l'amministrazione non solo non aumenti le aliquote, ma addirittura per la prima volta provveda a tagliare la tassa sui rifiuti.
Voi cittadini non accontentatevi.

Antonio Di Gilio