venerdì 28 giugno 2013

Concorsi pubblici e laureati. E' il comune di Adelfia a non volerli.

Qualcuno ricorderà la vicenda degli EX-UMA. Vera è propria figuraccia dell'amministrazione adelfiese in cui il relativo bando pubblico fu all'ultimo minuto ritirato nonostante fosse uscita la graduatoria e nonostante il sottoscritto più volte avesse fatto notare gli "orrori". Per sapere della vicenda clicca QUI.
Dopo nemmeno un anno viene indetto un nuovo concorso pubblico. Questa volta tocca gli istruttori tecnici, categoria C1.
Il bando che potete scaricare QUI, tra i requisiti all'accesso impone il diploma di geometra. Sarebbe perfetto se non fosse che esistono titoli superiori e "assorbenti" quali quello di ingegneria ed architettura.
In perfetta continuità con il governo Letta che abortisce leggi a favore solo di disoccupati giovani cronici senza titoli di studio, questa amministrazione scrive un bando che esclude i laureati. Sia chiaro, vista la categoria (C1) non si pretende che i laureati partano con un punteggio maggiore, ma almeno gli si dia la possibilità di accedere.  Insomma è la PA a non volere i laureati .
Questa è la stessa gente che si riempe la bocca sui palchi sulla "Fuga dei cervelli". Non sono i cervelli a scappare, siete voi che li prendete a calci nel sedere.
Già lo so, i soliti vicini all'amministrazione sono pronti a impallinarmi, come accaduto in passato, definendomi costituzionalista da quattro soldi.
Peccato che a tal riguardo sono già arrivate ben 4 sentenze di 4 TAR differenti che hanno dichiarato inamissibile quei bandi che escludono titoli superiori e assorbenti a quello del geometra
Riporto

Se il bando di concorso prevede, come requisito di ammissione, il Diploma di Geometra, va ammesso al concorso anche il candidato in possesso della Laurea in Ingegneria o della Laurea in Architettura
Nella sentenza in esame il Collegio relativamente allabilitazione all’esercizio della professione di Ingegnere, ha evidenziato che secondo un condivisibile orientamento giurisprudenziale (cfr. per es. TAR Umbria n. 708 del 7.11.2008; TAR Pescara n. 463 del 9.5.2008; TAR Piemonte Sez. II n. 3028 dell’8.11.2004), nel caso in cui il bando di concorso prevede, come requisito di ammissione, il Diploma di Geometra, va ammesso al concorso anche il candidato in possesso della Laurea in Ingegneria o della Laurea in Architettura, in quanto il possesso di tali titoli di studio superiori devono ritenersi assorbenti, poiché le materie di studio, facenti parte dei Corsi di Laurea in Ingegneria o Architettura, comprendono quelle del corso di studi di Geometra ed inoltre contemplano un maggiore livello di approfondimento.
TAR Basilicata, Potenza, Sez. I, sentenza 7.2.2013, n. 72

Dato che non c'è due senza tre, dobbiamo aspettarci qualche altro bando sbagliato?

Antonio Di Gilio