venerdì 15 aprile 2016

Intervista alla dott.ssa Francesca De Palma candidata sindaco per il M5S di Adelfia

Francesca De Palma, biologa nutrizionista di 32 anni.
Di se dice:”Mi impegno per trasmettere il concetto che la sana alimentazione e uno stile di vita attivo sono l'unica via, non solo per raggiungere un peso corporeo ottimale ma anche per poter stare bene. Oggi la prevenzione è estremamente importante. Se le malattie croniche continueranno ad aumentare, come accade da molti anni, in futuro i costi della sanità pubblica saranno estremamente elevati. Quindi tutti abbiamo una grande responsabilità.”

1) Dott.ssa De Palma il M5S locale ha nominato Lei quale candidata alla poltrona di sindaco di Adelfia. Quali motivi di questa convergenza sul suo nome e in quale sfera amministrativa ritiene di poter essere un valore aggiunto?

Sorrido sentendo parlare di nomine e poltrone. Nel M5S non si nomina nè ci si siede su poltrone piu' importanti di altre. Siamo un gruppo di cittadini attivi che collaborano da anni per migliorare il proprio territorio. Abbiamo valutato il nome del candidato sindaco in una modo eccezionale, attraverso il metodo del consenso. Una sera ci siamo riuniti e senza bisogno di votare abbiamo deciso di dare a me questo compito, semplicemente esprimendo ognuno la propria opinione e giungendo ad una decisione condivisa. Noi abbiamo sempre lavorato sui temi, i ruoli sono secondari, l'importante è partecipare ed essere cittadini attivi. Le mie passioni sono la sana alimentazione, l'attività fisica, le tradizioni locali, l'agricoltura, gli spazi verdi, l'economia circolare e quanto di più possa rendere green la nostra vita. Ma non si tratta dei miei interessi. Il nostro valore aggiunto è il programma e l'obiettivo unico di portarlo a termine con trasparenza. Da Sindaco, con un Governo cittadino del Movimento 5 Stelle, non permetteremo che accada nulla che non vada nella direzione del bene collettivo. Nessun favoritismo, solo meritocrazia e trasparenza e soprattutto coinvolgeremo i cittadini attraverso un reale metodo di Governo partecipato.

2) Parliamo di programma. Qual è il disegno e il progetto per Adelfia dei prossimi 5 anni? Quali sono a suo avviso i punti di forza da valorizzare e quali i punti deboli assolutamente da migliorare

Il nostro programma è sintetizzabile in 10 punti. Creeremo un ufficio comunale per progettisti europei. Attiveremo le misure per un reddito di cittadinanza, frutto dell’armonizzazione degli strumenti regionali e nazionali già esistenti, integrandolo con risorse comunali e soprattutto europee. Istituiremo uno sportello agricoltura comunale per individuare fondi, presentare progetti e fornire formazione e aggiornamento agli agricoltori. Attiveremo un sistema di vigilanza serio ed efficace, per risolvere un altro dei gravi problemi che ci affligge, quello dei furti nelle nostre campagne, sia degli impianti che dei raccolti. Introdurremo la tariffazione puntuale dei rifiuti, per rendere efficace il sistema di raccolta porta a porta, per far pagare di meno a chi ricicla di più. Riprogetteremo in maniera condivisa la mobilità sostenibile. Ci stiamo già adoperando per questo, infatti è attivo un progetto per redigere delle linee guida, grazie alla partecipazione dei cittadini e all'intervento degli esperti dell'ANVEL. Intendiamo valorizzare seriamente il nostro patrimonio storico, architettonico e paesaggistico, un patrimonio, quello adelfiese, di alto profilo, coinvolgendo anche tutte le associazioni che operano sul territorio per far rivivere e rianimare Adelfia, anche attraverso una programmazione seria di eventi e iniziative. Creeremo una Consulta del Commercio, per mettere insieme attorno ad un tavolo amministrazione, commercianti e consumatori, affinchè si ristabilisca un clima di fiducia e collaborazione e si prendano decisioni condivise. Investiremo sull'efficientamento energetico degli edifici pubblici e dell'illuminazione e miglioreremo le condizioni delle strutture sportive, al fine di renderle accessibili e funzionali. Intendiamo cogliere le possibilità che i bandi europei forniscono, questa è l'unico modo per ovviare al patto di stabilità a cui i Comuni devono sottostare. Troppo spesso queste risorse non sono considerate dai Comuni. Non dimentichiamoci che nei soli mesi di gennaio-maggio 2015, nelle aree svantaggiate del SUD sono stati utilizzati solo 1,3 miliardi rispetto ai 13,6 rimasti dalla programmazione 2007-2013. Siamo fiduciosi che un confronto costruttivo sia la soluzione migliore poter rivalutare adeguatamente il nostro patrimonio storico ed architettonico, spesso di proprietà privata o compromesso dopo anni di incuria o abbandono.

3) Quale azione amministrativa dell'attuale giunta ritiene valida e quale invece un totale fallimento?

Sono felice che dopo anni di indifferenza l'area dell'ex Sapa sia stata bonificata. La salute dei cittadini adelfiesi è importante e anzi ci sarebbe ancora tanto da fare sulle innumerevoli discariche abusive presenti sul nostro territorio a volte ricche di materiali pericolosi come l'amianto. Sistemare le aree gioco destinate ai bambini è stata senz'altro una buona idea, mi spiace solo che "la gabbia dei leoni" non sia ancora stata ristrutturata del tutto. Il campo di calcetto che ha visto giocare i ragazzi di numerose generazioni oggi versa in uno stato di abbandono e pericolo per la presenza di quel muretto senza nessuna protezione per i bambini. Inoltre vedrei quell'area come un luogo ideale da attrezzare per andare in skate o con i pattini a rotelle e per degli eventi di street art. In quest'amministrazione vedo il fallimento della programmazione, non si è redatto il piano triennale della mobilità sostenibile e le piste ciclabili che non portano in nessuno dei luoghi di interesse per i cittadini, parlo della stazione, delle fermate degli autobus, del campo di calcio, ne è la prova. E' mancata la programmazione nel trovare una soluzione definitiva alla situazione randagismo e adesso ci ritroviamo ancora in emergenza costretti probabilmente a pagare un affitto che peserà sulle tasche dei cittadini. Una soluzione che prevedesse una gara pubblica sarebbe stata doverosa. Vedo il fallimento della trasparenza, risposte inevase da parte dell'amministrazione, molti cittadini che aspettano ancora invano delle informazioni e insopportabile è il clima di tensione e astio che si è creato tra amministrazione, attività commerciali e associazioni presenti sul territorio. Abbiamo subìto l'abbattimento di una storica cisterna in Piazza Leone XIII che grava sulle casse comunali e la perdita di un monumento della nostra storia, in molti sapevano che quella Piazza era "largo piscina". Noi intendiamo valorizzarli i nostri monumenti e non distruggerli.

4) In Italia si discute del DDL Cirinna'. Qual è la vostra posizione? E se il DDL venisse cassato aprireste al registro delle unioni civili ad Adelfia? E al registro sul testamento biologico per permettere ai cittadini di indicare le proprie scelte sul fine vita?

Io personalmente credo che la libertà dei cittadini venga prima di tutto e sono a favore delle unioni civili perché ritengo che ogni cittadino debba avere stessi diritti e doveri di fronte alla legge. Anche per il testamento biologico, sono convinta che ogni cittadino abbia il diritto di decidere, sulla base della propria coscienza, ad esempio se donare i propri organi. Io vorrei avere la possibilità di deciderlo e direi di si. Anche il M5S sulle unioni civili ha già deciso favorevolmente tramite una votazione che ha visto coinvolti tutti gli iscritti al blog del Movimento. Adesso invece è in discussione su LEX, il portale del M5S che consente ai cittadini di avere una discussione condivisa su tutte le proposte di legge da portare in Parlamento. Sono sicura che anche in questo caso tutti i cittadini insieme sapranno prendere la decisione migliore. Il M5S anche ad Adelfia coinvolgerà i cittadini in tutte le decisioni non previste dal programma, se queste sono di competenza comunale. È già capitato, negli anni scorsi, di subire decisioni dall'alto, su argomenti di cui i nostri sindaci non avevano fatto menzione in campagna elettorale. Con il M5S tutto ciò sparirà, la nostra sarà un'amministrazione trasparente e i cittadini adelfiesi saranno parte attiva delle decisioni che prenderemo per il nostro comune, in special modo su questioni non contemplate dal programma elettorale.

5) C'è la possibilità di appaiarvi con altre liste oppure anche ad Adelfia seguirete il sentiero tracciato a livello nazionale?

Quello delle coalizioni di una o più liste è uno dei classici meccanismi della vecchia politica per raccattare voti a strascico a vantaggio dei capolista. Noi formiamo una sola lista da 16 persone quanti sono i seggi in Consiglio Comunale: vogliamo che i cittadini ci votino liberamente e non perchè si sentono obbligati a farlo per legami di parentela a qualcuno. Sarebbe estremamente incoerente criticare la vecchia politica, proporsi come alternativa e poi adottare gli stessi meccanismi o sceglierne qualcuno a convenienza. Noi scegliamo invece la coerenza e la governabilità.

Adelfia on-line la ringrazia

Antonio Di Gilio