mercoledì 3 aprile 2013

Amministrazione partecipata - E' possibile una mobilità a auto zero?



Visualizza Adelfia on-line - chiusura traffico in una mappa di dimensioni maggiori

L'ultima ordinanza di modifica del sistema di mobilità del nostro comune, mi ha fatto riflettere su come, ancora una volta, si agisce imponendo le decisioni sempre dall'alto senza mai una condivisione di progetto di mobilità generale.
I cittadini devono subire di volta in volta le scelte amministrative, senza permettere loro di comprenderne eventualmente gli aspetti positivi. 
La mia personale visione di mobilità all'interno di un paese come quello di Adelfia deve essere fortemente disincentivante nell'uso dell'auto per il movimento intra-comunale. Insomma, se ci si deve spostare per andare al supermercato o per fare la spesa le opzioni devono essere 2:
- o usare biciclette, scooter o più semplicemente le gambe

- o utilizzare la circonvallazione
Pertanto, per coloro che vorranno partecipare o semplicemente contemplare questo modello di mobilità dovranno ragionare se non concependo solo queste due alternative.
Al contrario, per chi venisse da fuori, al fine di raggiungere la propria abitazione potrà farlo entrando da uno degli ingressi specifici della circonvallazione.
Adelfia, per sua fortuna ha 3 peculiarità:
- i due poli di maggior distanza distano meno di 2 km, nulla di percorribile in meno di 5 minuti di bicicletta o 20 minuti a piedi
- ha una circonvallazione che quando terminata (se terminata) sarà un unico grande anello.
- è visivamente identificabile in 4 settori ( due per rione ) taglia da ovest verso est da Corso Vittorio Veneto e da nord verso sud dal canalone. 
Chiudere gli accessi alle strade che la tagliano significa di fatto impedire l'uso dell'auto all'interno del paese senza tuttavia impedire ai residenti di entrare e uscire dal paese o raggiungere le proprie abitazioni.

Nella cartina in blu  e giallo sono indicate le chiusure dei centri rispettivamente di Canneto e Montrone. E' evidente che chi abita nei rispettivi rioni avrebbe un apposito pass per l'accesso solo ed esclusivamente nella propria zona ( per capirci chi  ha il pass di Montrone non potrà utilizzarlo su Canneto ma come tutti gli altri dovrà adeguarsi).
In rosso ho indicato l'ultima zona da chiudere solo dopo che la circonvallazione sarà terminata e/o aperta via San Francesco d'Assisi. Infatti, ad oggi sarebbe improponibile fare 7 km di circonvallazione per passare tra i due settori nord del paese.

Tutti coloro che si trovano al di fuori di queste zone, ovviamente variando gli attuali sensi, potranno raggiungere dall'esterno la propria residenza senza eccessivamente cambiare i percorsi attuali.

Ovviamente una qualsiasi amministrazione o partito politico che volesse intraprendere questa scelta dovrebbe  andare quartiere per quartiere a individuare, insieme ai cittadini, i sensi di marcia più efficaci.

Mi rendo conto che questo, al momento, è un semplice "gioco" che vi sottopongo. E' utile per poter comprendere quanto potrebbe interessare un simile progetto e pertanto quanto effettivamente sia fattibile.
Sono aperto alle vostre analisi e a variare l'idea. Chissà che in un futuro qualcuno possa prenderlo sul serio.

Antonio Di Gilio