lunedì 11 febbraio 2013

Spending Review - Adelfia deve tagliare le indennità degli amministratori

Con le ultime finanziarie i comuni come molti altri enti pubblici hanno dovuto fare i conti con la spending review. Il meccanismo dei tagli prevede l'individuazione di una serie di costi sostenuti dalla PA per l'utilizzo di beni intermedi. Si passa all'identificazione del campione di Comuni su cui calcolare i valori benchmark(di riferimento) di costo consistente nell'analisi della spesa standard dei Comuni e nella selezione di quelli più vicini ad un'ipotetica frontiera di produzione, per i quali si rinvengono le migliori condizioni di efficienza nella produzione/erogazione  dei servizi connessi . Semplificando al massimo,  il prezzo migliore offerto per un determinato servizio a un ente pubblico dovrà essere applicato a tutti gli altri comuni obbligandoli ad adeguarsi. Es. Se un comune di tot. abitanti con tot. dipendenti  ha un costo x per spese telefoniche, allora anche gli altri comuni devono adeguarsi a quel costo a parità di situazione che risulta il più basso.

In teoria dovrebbe essere la panacea di tutti i mali, nella realtà ho riscontrato alcune anomalie.
Ad esempio la voce di costo "Spese hardware di Funzioni generali" viene così definito: è il costo hardware parametrato al numero di macchine in uso alle Funzioni generali del Comune;

In altre parole il costo della manutenzione delle stampanti viene rapportato al numero di stampanti in uso. Quindi un comune che nel passato è stato spendaccione e ha comprato un numero abnorme di stampanti rispetto alle necessità, agli occhi della spending Review risulta essere efficiente. ( E abbiamo messo dei tecnici per abortire queste cose? Scusate la mia opinione).

Passiamo nello specifico del Comune di Adelfia.
Analizzando i dati  che trovate QUI, possiamo dire che Adelfia ha una delle migliori situazioni confrontandola con i comuni più vicini nella maggior parte delle voci di costo. Per i confronti Vi invito a divertirvi con il sito linkato del Ministero dell'Interno.
Tuttavia c'è una voce di costo che risulta "anomalo" e divergente rispetto ai comuni a noi più vicini.
Spese per Indennità per Amministratore così definita " Spese per indennità di amministratori: è il costo per singolo amministratore sostenuto dall'ente  in termini di indennità di carica e di missione"

Per questa seconda voce si registra un "eccesso" di Euro 16.648,00, mentre i comuni di Valenzano e Casamassima hanno un dato in linea con il costo standard. ( il valore che troverete è zero).

Mi esimo, per non influenzare il lettore, da qualsiasi opinione.

Per  saperne di più e poter fare i relativi confronti vi rimando all'accordo Stato - Regioni (pag. 7 e 8 per le spiegazioni sulle definizioni delle varie voci di costo). 

Antonio Di Gilio